Le foglie, ovali, dentate e pelose, assomigliano a quelle della menta, ma emanano un gradevole profumo di limone che le rende particolarmente apprezzate dalle api. Il periodo migliore per la raccolta è tra Giugno e Settembre, al di fuori del quale perdono il tipico aroma.

I fiori sono piuttosto piccoli, bianco-rosati, con le stesse proprietà delle foglie e andrebbero raccolti appena sbocciati.

Deve essere essiccata all’ombra per un periodo limitato e poi conservata in recipienti di vetro. Dopo un anno però quest’erba perderà sia l’aroma, sia molte virtù.

Grazie all’intenso aroma di limone, le foglie fresche di melissa insaporiscono piatti a base di pesce, zuppe, insalate, salse, marmellate, dolci e liquori. Essiccata è adatta per preparare bevande con menta e succo d’arancio e, mescolata ad altre erbe, aromatizza frittate e carni ripieni soprattutto il pollo.

Ha proprietà calmanti e distensive che la rendono particolarmente adatta come rimedio contro l’emicrania e i dolori addominali. Un bagno caldo con l’infuso di melissa oppure una tisana con questa erba aromatica allentano la tensione nervosa, e favoriscono un buon riposo.