Il crescione è diffuso un po’ ovunque sia in Oriente che in Europa e in America. E’ una pianta erbacea perenne che cresce spontanea lungo i corsi d’acqua o gli stagni, di cui si utilizzano solo le foglie. Queste, di consistenza carnosa, aspetto liscio, colore verde scuro, si sviluppano a coppie lungo il fusto con una foglia terminale più grossa di forma quasi arrotondata. Le foglie del crescione si possono raccogliere in estate, in piena fioritura.

Il crescione va consumato fresco poiché l’essiccazione ne fa perdere quasi completamente le proprietà, di conseguenza i rametti di crescione possono essere conservati in frigorifero o in un contenitore ermetico per un periodo di tempo limitato.

Imbattibile come ingrediente di panini imbottiti, tartine e antipasti risulta ottimo anche aggiunto ad insalate, minestre e pesce. Attenzione alla quantità poiché il sapore è un po’ piccante e può risultare troppo forte se utilizzato in eccesso.

Il crescione è ricco di vitamine e sali minerali, ha effetti depurativi ed è raccomandato contro la gotta, l’anemia, gli eczemi, l’acne. Anche per i motivi curativi va comunque consumato in modica quantità.